• Italiano
  • English

Salmonella nel latte in polvere: ritirati lotti da 83 Paesi

Oltre 35 casi di salmonella registrati in Francia, Spagna e Grecia hanno costretto il colosso francese Lactalis a ritirare dal mercato oltre 600 lotti di latte in polvere per neonati, per un totale di oltre 21 milioni di prodotti rimossi dagli scaffali. Un colpo che potrà far perdere la fiducia dei consumatori nel marchio, fondamentale quando si parla di prodotti per neonati. Questo evento sta portando un danno incalcolabile a livello di immagine all’azienda, oltre alle azioni legali e alle richieste di risarcimenti dalle famiglie.

Il latte in polvere viene sterilizzato durante il processo produttivo, ma il rischio di contaminazione durante lo stoccaggio non è da sottovalutare, probabile causa dello scandalo di Lactalis. Questo rischio si può limitare investendo in sistemi di prevenzione, che metterebbero al sicuro l’azienda da possibili danni economici e garantirebbero la sicurezza dei consumatori.

Grazie alla diffusione di tecniche come il DNA Barcoding è oggi possibile identificare la presenza di specie animali, vegetali, batteri, etc.. in tempi brevi a costi ridotti in prodotti finiti e lavorati. In un caso come questo, l’analisi DNA Barcoding di ogni lotto di prodotto avrebbe potuto rintracciare la presenza del batterio, evitando la messa in commercio dei lotti incriminati e salvaguardando la salute dei bambini.


Nome (richiesto)

E-mail (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Autorizzo il trattamento dei miei dati personali, ai sensi del D.lgs. 196 del 30 giugno 2003. Privacy

Leggi Tutto Nessun Commento

Il pesce in Cina: frode alimentare in 3 casi su 5

Il 58% del Nasello e del Merluzzo venduto in Cina non è etichettato correttamente. Questo dato, messo in luce da uno studio sul giornale Food Control, è stato riscontrato testando con la tecnica del DNA barcoding 153 prodotti venduti in ristoranti di 16 città cinesi. Sfruttando questa metodica i ricercatori hanno potuto constatare, in modo rapido ed economico, che 3 prodotti su 5 non appartengono alla specie dichiarata sul menù, una frode alimentare che mette a rischio l’incolumità dei consumatori.

Il DNA barcoding, sfruttando marcatori univoci e specifici, permette di analizzare il DNA di molte specie ittiche, anche essiccate o conservate, garantendo la qualità dell’intera filiera e una maggiore sicurezza per il consumatore.

In USA queste analisi sono obbligatorie per le aziende che trattano prodotti ittici, con FEM2-Ambiente è possibile offrire ai consumatori una protezione dalle frodi.


Contattaci per ricevere maggiori informazioni sui nostri servizi!


Nome (richiesto)

E-mail (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Autorizzo il trattamento dei miei dati personali, ai sensi del D.lgs. 196 del 30 giugno 2003. Privacy

Leggi Tutto Nessun Commento

BATTERI NEGLI ALIMENTI? SCOPRILO CON IL DNA BARCODING

BATTERI NEGLI ALIMENTI? SCOPRILO CON IL DNA BARCODING

  Il giorno 7 luglio 2017 il Ministero della Salute ha ritirato dal mercato alcuni lotti di confezioni di alimenti per animali dopo aver rintracciato al loro interno la presenza del batterio salmonella, per la possibilità di contagio per coloro che entrano in contatto con questi prodotti.

Leggi Tutto

DNA Barcoding Poisonous Plants

Exposures to toxic plants are the most frequent cause of poisonings that are reported to poison control centers. Although most of the cases of plant exposures occur in children, due to the accidental ingestion of showy fruits, the new trend of nutritional therapies and phytotherapy increases the poisoning cases in adult too.

Most people believe that plants are naturally safe and can be used as healing remedies for human health. This belief often leads to the spontaneous use of plants for medicinal and aesthetic purposes without evaluating the e ects of their secondary metabolites on humans.

Read full article

Leggi Tutto

TRACCIARE LE ORIGINI DEL MIELE CON LE ANALISI DNA BARCODING

TRACCIARE LE ORIGINI DEL MIELE CON LE ANALISI DNA BARCODING

Tracciabilità e sicurezza alimentare sono concetti che stanno acquisendo una rilevanza sempre maggiore nel settore agroalimentare. Verificare l’origine e la qualità delle materie prime e la composizione dei prodotti finiti offre numerosi vantaggi non solo in ambito di sicurezza e rintracciabilità dei prodotti ma anche a livello di immagine.

Aziende che pongono molta attenzione a questi aspetti, comunicando in modo adeguato gli investimenti e i risultati ottenuti, riescono ad accrescere la fiducia dei consumatori che di conseguenza dimostreranno maggiore fidelizzazione al marchio. La crescita di rilevanza delle biotecnologie ha consentito di sviluppare nuove metodologie in grado di migliorare la tracciabilità e la sicurezza dei prodotti alimentari. Tra queste Il DNA Barcoding tecnica che consente di identificare una determinata specie partendo da uno specifico segmento di DNA anche in miscele complesse o in prodotti finiti e lavorati.

Leggi Tutto

Contattaci

L’identificazione genetica può aiutarti ad accrescere la qualità e la sicurezza dei tuoi prodotti e a difendere la tua azienda da eventuali frodi.

Contattaci per spiegarci le tue necessità, elaboreremo una soluzione su misura per te.

  • +39 02 64483394

    +39 02 64483394

  • info@fem2ambiente.com

    info@fem2ambiente.com

  • Piazza della Scienza, 2 - 20126 Milano.

    Piazza della Scienza, 2 - 20126 Milano.

Il tuo nome (richiesto)

Azienda (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Maggiori informazioni

Autorizzo il trattamento dei miei dati personali, ai sensi del D.lgs. 196 del 30 giugno 2003. Privacy